ti trovi in: Skip Navigation LinksHome : Servizio clienti : Domande frequenti
Cosa vuole dire che il mercato dell'elettricità è libero?

Significa che i clienti possono scegliere liberamente da quale venditore, e a quali condizioni, comprare l'elettricità.
L'impresa di distribuzione, che gestisce la rete elettrica locale, rimane invece la stessa anche se il cliente sceglie di cambiare il proprio fornitore.

Quali sono i servizi liberalizzati?

La liberalizzazione riguarda l'attività di vendita dell'energia elettrica al dettaglio.
Le attività di produzione dell'energia elettrica, di importazione e di vendita all'ingrosso sono già state liberalizzate nel 1999.
Per essere venduta ai clienti l'energia elettrica deve essere prodotta in appositi impianti, e trasportata sulle reti di trasmissione nazionale e di distribuzione locali fino al contatore. Le attività di trasmissione e distribuzione restano gestite in esclusiva dagli stessi operatori che l'hanno fatto fino ad oggi, perché non sarebbe conveniente realizzare nuove reti in concorrenza con quelle esistenti.

Quali sono i vantaggi della liberalizzazione?

I prezzi di fornitura dell’energia elettrica e del gas naturale prima della liberalizzazione erano imposti dall’A.E.E.G. con una tariffa che andava a remunerare le diverse fasi della filiera del mercato.
Con la liberalizzazione, i prezzi non saranno più imposti dall’A.E.E.G., ma saranno liberi e negoziati con il proprio fornitore di energia elettrica e/o di gas naturale. Il proprio fornitore potrà offrire condizioni vantaggiose: Le altre componenti, ossia quelle che remunerano le infrastrutture e gli oneri di sistema, sono pagate indipendentemente dal fornitore di energia elettrica e/o gas.

Chi può vendere energia elettrica nel mercato libero?

L'attività di vendita è libera, pertanto chiunque può operare nel mercato dell'energia elettrica in qualità di venditore.

Come posso passare alla fornitura di Onda Energia?

Cambiare fornitore è semplice. E’ possibile farlo in qualunque momento e senza alcun costo. E’ sufficiente sottoscrivere il contratto di fornitura con cui il Cliente conferisce mandato ad Onda Energia, affinché proceda in suo nome e per suo conto a sottoscrivere la comunicazione di recesso dal precedente fornitore di energia elettrica.

Quali sono i tempi di passaggio alla nuova fornitura Onda?

Sono previsti generalmente non più di sessanta giorni a partire dalla sottoscrizione del contratto nel caso in cui si effettui per la prima volta il passaggio al libero mercato.
Se la precedente fornitura è attuata da un operatore del libero mercato è necessario attendere i tempi di recesso previsti dal contratto sottoscritto, comunque non superiori a 90 giorni.
Inoltre, occorre tener presente che, in ogni caso, la partenza della fornitura non può avvenire nel corso del mese, ma coincide sempre con il primo giorno del mese di attivazione.

Cosa accade al mio contatore passando alla fornitura di Onda Energia?

Cambiare il fornitore non comporta modifiche per quanto riguarda il servizio di distribuzione e di misura dell’energia.
Nessun intervento sul contatore o sull’impianto elettrico esistente.
La continuità della fornitura sarà garantita dal distributore locale, quindi non ci sarà alcun rischio di interruzione. Tutti gli operatori, come Onda Energia, devono garantire gli standard di qualità previsti dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (A.E.E.G.) al fine di tutelare i propri Clienti.

Come avviene la lettura del contatore passando alla fornitura Onda?

La lettura dei consumi continuerà ad essere eseguita dal Distributore Locale che provvederà a comunicare la lettura a Onda che calcolerà l’importo dovuto dal Cliente e ad emettere la relativa bolletta/fattura.

A chi posso rivolgermi per avere informazioni sul mio contratto?

Puoi contattare Onda Energia che sarà responsabile di tutti gli aspetti commerciali del servizio offerto (bollette/fatture, pagamenti, rimborsi, chiarimenti, reclami…).
Inoltre, Onda Energia si comunicherà col Distributore Locale per tutti gli aspetti inerenti la fornitura. In tal modo il Cliente avrà il vantaggio di avere un unico interlocutore.

Chi devo contattare in caso di guasto al contatore?

Il Distributore Locale (es. Enel Distribuzione per la Sicilia) è il soggetto che gestisce la rete di distribuzione ed i contatori di cui è anche proprietario. Interventi come riparazioni dei guasti, ripristino dell’alimentazione, ecc. sono di sua competenza.
Il numero di telefono del servizio guasti, inoltre, resta invariato, poiché è sempre quello del Distributore Locale.

Da chi riceverò la bolletta/fattura?

Onda, in qualità di nuovo fornitore, emette la bolletta/fattura con frequenza mensile.
La fatturazione dei consumi da parte d Onda è effettuata facendo riferimento al dato di chiusura del precedente fornitore, utilizzando le misure comunicate dal Distributore Locale il quale effettua le periodiche letture dei contatori.

Quali costi trovo nella fattura/bolletta di energia elettrica?

Il costo del servizio elettrico è formato da diverse componenti che corrispondono a:
- costo dell’energia fornita;
- costo del servizio di trasporto dell’energia sulle reti elettriche italiane;
- oneri generali del sistema elettrico dovuti per legge;
- imposte.

Il costo dell’energia fornita incide per circa il 64% della spesa totale di una bolletta elettrica: è su questo costo che si gioca la concorrenza tra le imprese di vendita.Il prezzo dell'energia, per i clienti che hanno optato per un contratto di fornitura nel mercato libero, è stabilito nel contratto di fornitura.
Il costo del servizio di trasporto (distribuzione, trasporto e misura) incide in media per il 15% della spesa totale. Questo costo è fissato da tariffe stabilite dall'Autorità e gli operatori del libero mercato, come Onda Energia, lo pagano a loro volta al distributore locale;
Gli oneri generali di sistema contano in media per il 7% e sono dovuti per legge;
Le imposte contano in media per il 14% e sono dovute per legge.

Cosa sono le fasce orarie?

Le fasce orarie, denominate F1, F2 e F3, sono delle fasce aggregate di ore della giornata all’interno delle quali i prezzi applicati al’energia prelevata sono differenti:
F1 sono le ore di punta: 8 - 19.00 dei giorni lunedì - venerdì
F2 sono le ore intermedie: 7-8 e 19-23 dei giorni lunedì - venerdì
7-23 del sabato
F3 sono le ore fuori punta: 00-7 e 23-24 dei giorni lunedì-sabato
tutte le ore per domenica e festivi

Perché i prezzi vengono articolati per fascia?

La domanda di energia elettrica non è uguale in ogni ora del giorno e quando è più alta devono essere chiamati in produzione anche gli impianti più costosi. Le ore in cui questo succede sono le cosiddette ore di punta. Produrre energia durante le ore di punta costa quindi in media di più. L'articolazione per fascia dei corrispettivi di vendita consente di:
• di trasferire al cliente questo maggior costo, dando quindi il corretto segnale di prezzo, ovvero fargli percepire il costo dell'energia consumata ed incentivarlo, se possibile, a consumare quando l'energia elettrica è meno cara;
• evitare che il cliente che utilizza l'energia (e quindi contribuisce alla domanda) nelle ore non di punta finisca per pagare anche parte del costo sostenuto per servire il cliente che utilizza l'energia nelle ore diurne o di punta.
Analogamente i costi di produzione dell'energia variano a seconda dei mesi.

A cosa servono le informazioni riportate in bolletta sull'articolazione per fasce dei miei consumi?

La pubblicazione in bolletta dell'articolazione per fasce dei miei consumi serve a valutare la possibilità di allocare in modo più efficiente i miei consumi e ridurre il rischio di incorrere in aumenti dovuti a maggiori prelievi di energia nelle fasce più costose o, qualora non fossi in grado di spostare i miei consumi, ad avere una migliore stima del costo che dovrò sostenere.

Chi tutela il Cliente finale nel libero mercato?

La tutela del Cliente è garantita dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (A.E.E.G.), che ha definito un apposito Codice di Condotta Commerciale per il mercato elettrico con regole che tutti gli operatori presenti sul mercato libero devono rispettare.
L’A.E.E.G. sottopone tutti gli operatori ad un attento controllo e può sanzionare in caso di mancato rispetto delle regole definite.

serverstudio web marketing e design